Abitudini positive, alcune che puoi implementare per partire o ripartire

Tutti parlano di Abitudini positive e come le stesse possano essere determinanti per la propria felicità, successo e soddisfazione. Avere abitudini positive è l’ultimo e migliore hack possibile. Perché il miglioramento e la crescita personale sono un percorso lungo e graduale, che si ottiene appunto solo tramite abitudini perpetrate nel tempo.

 

Ma quali sono le abitudini positive che possono avere un impatto forte e duraturo sulla propria vita?

Eccone qua alcune:

 

Fai ciò che gli altri non vogliono fare

Se ti abitui a fare quell’extra sforzo, l’extra attività, il passetto in più, arriverai dove gli altri non metteranno mai piede. Cerca di fare tutto il possibile e distinguiti in quello che fai.

Se qualcuno si accontenta di meno di quanto merita o non vuole fare uno sforzo per ottenere ciò che vuole, non significa che tu debba fare lo stesso.

Fai il possibile e distinguiti dalla massa. A volte ciò che serve è solo un po’ più di perseveranza.

“Oggi farò ciò che gli altri non faranno, quindi domani farò ciò che gli altri non possono”.

Jerry Rice

Scrivi una not to do list

Dai, lo sai quali sono le abitudini che ti rallentano e ti trattengono. Se vuoi risolverle, la cosa migliore da fare è quella di scriverle, buttarle su carta ti permetterà di controllarle meglio.

Per evitare che le cattive abitudini ti controllino, una buona idea è identificare e annotare tutte le cose che ti rallentano e ti fanno perdere tempo.

Man mano che lavorerai su te stesso potrai aggiornare questa lista, includendo quelle che compaiono (magari a causa di un nuovo social o passione) e quelle che sei ormai riuscito a gestire.

 

Concentra i tuoi sforzi dove vale la pena

Sii un raggio laser, concentra tutti i tuoi sforzi nell’area che puoi controllare, lasciando perdere le preoccupazioni e gli sforzi in quello che non puoi gestire.

Questo concetto è estrapolato dal libro di Stephen Covey.

Secondo Covey, ci sono due aree in cui possiamo concentrare il nostro tempo e le nostre energie. La prima area è il nostro Circolo della preoccupazione. Consiste in tutte le cose che potrebbero influenzarci in qualche modo, ma che non possiamo controllare direttamente. Ad esempio, qualcosa che appartiene a questa cerchia potrebbe essere ciò che pensano i nostri amici, il tempo, l’opinione del tuo vicino, il mercato azionario, e chi più ne ha più ne metta.

La seconda area è il nostro Circolo d’Influenza e rappresenta le cose che possiamo controllare. Ad esempio, possiamo scegliere quando ci svegliamo, quanto tempo decidiamo di dedicare a un progetto importante, quanto decidiamo di investire, quante volte alla settimana ci alleniamo, cosa mangiamo, quanta acqua beviamo, ecc…

Prestare attenzione al Circolo di Influenza, inizierai ad avere più controllo sulla tua vita. Inizierai a fare di più, il che ti farà sentire più soddisfatto e meno stressato.

Le persone proattive concentrano i loro sforzi sul Circolo d’Influenza. Lavorano sulle cose su cui possono incidere.

— Stephen Covey

 

Lavorare in micro turni

Il modo migliore per farlo è seguire la stessa logica della Tecnica del Pomodoro, trovando la durata ideale per te.

I vantaggi di questa tecnica di gestione del tempo sono molteplici:

  • Aiuta a ridurre le distrazioni;
  • Ti rende più produttivo e ti aiuta a fare le cose;
  • Fare pause frequenti previene la stanchezza e aiuta a rimanere concentrati e produttivi;
  • Puoi misurare il tuo lavoro e avere un’idea di quanto tempo hai dedicato alle tue attività.

La durata di un blocco di tempo è soggettiva. Quindi, prova diverse alternative di blocco e trova la tua struttura ideale.

 

Mostra genuina curiosità verso gli altri usando domande di follow-up

Molte persone sono brave ad agganciarsi agli spunti di conversazione per parlare di svariati argomenti e della loro vita, ma poche sono brave ad essere ascoltatori partecipi ed interessati.

Ecco perché dovresti imparare ad usare le “domande di follow-up”. Le domande di follow-up sono domande che puoi porre quando vuoi saperne di più su ciò che qualcuno ti sta dicendo o su di loro. In questo modo renderai la conversazione più profonda. Usandoli incoraggi il tuo interlocutore a condividere maggiori dettagli su ciò di cui stanno già parlando.

Usando le domande di follow-up farai anche qualcosa che la maggior parte delle persone non fa: mantieni l’attenzione sull’altra persona.

 

Evita riunioni o chiamate senza un’agenda chiara o un’ora di fine

Secondo Tim Ferriss , dovresti evitare riunioni senza un’agenda chiara o un’ora definita di fine riunione.

“Se il risultato desiderato è definito chiaramente con un obiettivo dichiarato e un’agenda che elenca argomenti/domande da trattare, nessuna riunione o convocazione dovrebbe durare più di 30 minuti”.

Tim Ferriss

Tim sostiene che la cosa migliore da fare è richiedere l’agenda con gli argomenti e le domande da trattare in anticipo, in modo da prepararsi al meglio e sfruttare al massimo il tempo previsto.

 

Elimina le piccole decisioni

Eliminare piccole decisioni, come cosa indossare ogni mattina, può aiutarti a risparmiare energia mentale.

“Nel corso della giornata, prendi migliaia di decisioni. Alcune sono banali, come quale canzone ascoltare mentre ti vesti, e alcuni sono importanti, come gestire una grande crisi al lavoro. Alla fine, il tuo cervello raggiunge l’affaticamento decisionale, che abbassa la qualità di tutte le decisioni che prendi”.

Caroline Klatt

Al fine di prendere decisioni migliori ed evitare l’affaticamento decisionale, elimina le piccole decisioni. Ad esempio potresti preparare un elenco di ciò che mangerai durante la settimana e/o uno di tutti gli abiti che indosserai nello stesso periodo. Questo ti aiuterà a razionalizzare le tue scelte e ti farà guadagnare tempo e potere decisionale.

 

Pratica la meditazione camminata

Cammina, immergiti nella natura, molla tutto e concentrati solo sul tuo respiro e quello che c’è intorno a te. Hai bisogno di staccare se vuoi rendere al meglio. Rendi la cura di stesso ed il tuo benessere una delle tue abitudini positive.

Abitudini positive
Abitudini positive? Un buon luogo da dove iniziare

 

Elimina le distrazioni

Una delle abitudini positive che puoi sviluppare è quella di eliminare le distrazioni. Nascondi il telefono, elimina le notifiche non necessarie, rimuovi dalle zone che puoi vedere o raggiungere della tua scrivania le cose che non servono. Dedica qualche minuto a rimuovere tutte le distrazioni possibili, in questo modo, quando ti dedicherai al compito che ti sei prefissato potrai ottimizzare il tuo tempo e la tua energia.

 

Le abitudini quotidiane che puoi abilitare per migliorare la tua vita sono molte, tu quali hai aggiunto o hai in programma di aggiungere?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: