Obiettivi nuovo anno, 7 domande per definirli

Obiettivi anno nuovo, 7 domande e riflessioni per grandi risultati

Il fatidico momento è arrivato, è ormai tempo di stabilire gli obiettivi anno nuovo, con la speranza che stavolta siano davvero efficaci e che non vengano dimenticati e abbandonati dopo poche settimane dall’inizio di gennaio.

Di definizione obiettivi, trucchi e idee per definirli al meglio e strumenti utili ne abbiamo già parlato molte volte. Ora è tempo di andare sul pratico…

 

Obiettivi anno nuovo, cosa c’è di meglio di 7 domande guida?

Queste domande sono arrivate nella mia email alcune settimane fa e sono state di ispirazione per questo articolo…

Se vuoi vedere le “originali” eccole, sono di Shane Parrish e del suo blog “Farnam Street“, una di quelle letture e newsletter che non dovresti assolutamente perderti…

Se invece vuoi qualcosa di diverso, ecco la versione italianizzata, by Un Millimetro.

Buona lettura!

 

Obiettivi anno nuovo, sette domande che possono essere “illuminanti”

Sei licenziato!

La formula semplice per il successo è fare di più di ciò che funziona e di meno di ciò che non funziona.

Le persone di maggior successo analizzano senza pietà cosa funziona e cosa no. Immagina che oggi tu venga licenziato come CEO della tua vita e che qualcuno “eccezionale” venga chiamato a prendere il tuo posto.

Cosa pensi che farebbe in modo diverso? Quali parti vedrebbe come ostacolo al successo? Cosa farebbe di più?

Distaccarsi dalle cose serve per vederle meglio.

 

Taglia senza pietà

Fai di meno ma fai meglio.
La maggior parte delle persone tenta di fare troppe cose. Il problema è che troppe priorità dividono la tua attenzione, riducono la qualità del tuo lavoro e stressarti. Inoltre, nessuna arriva mai a essere completata.
Scegliere la cosa giusta su cui lavorare è importante quanto il lavoro che svolgerai.
Annota i tuoi dieci principali obiettivi per il 2024. Ora cerchia i 3, 4 più importanti per te.
Tutto ciò che non è cerchiato dovrebbe essere “evitabile”.
Ciò non significa che non ti importa di questi punti, ma che gli stessi sono comunque distrazioni.
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

 

Modalità passiva

La chiave per far sì che il mondo faccia la maggior parte del lavoro per te.
La terza legge di Isaac Newton afferma che, senza eccezioni, “A ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.”
La legge di Newton è un potente algoritmo che può aiutarti a ottenere quello che desideri, semplifica le relazioni e migliora la tua vita.
Pensaci: spesso rispondiamo ad azioni con reazioni simili. Se qualcuno non ci aiuta, non cambiamo certamente tipo di risposta; al contrario, la gentilezza spesso genera gentilezza.
Per far sì che questa potente forza lavori per te, identifica le aree nella tua vita in cui aspetti passivamente che qualcuno faccia la prima mossa.

Potrebbe essere una scusa, chiedere a qualcuno un appuntamento o aspettare che qualcuno veda il tuo potenziale.
Smetti di aspettare che la vita ti dia ciò che pensi di meritare ed esci e realizzalo.
Rifletti su dove sei in attesa passiva dell’azione di qualcun’altro.

Quali misure proattive puoi intraprendere per avviare un processo positivo?

Obiettivi nuovo anno, 7 domande per definirli
Goals e obiettivi

Piantare semi

Le persone di successo compiono piccole cose oggi che rendono più facile il domani.

I progressi non sono sempre visibili nella loro immediatezza. Quando pianti un seme non vedi subito i risultati di questa azione, ma sai che ci sono. Alcuni lo chiamano guadagnare slancio.

Piantare semi nella vita significa spesso organizzarsi, altre volte significa spendere meno denaro per saldare i debiti, in altri casi ancora imparare una nuova abilità per aumentare il tuo valore sul mercato del lavoro. La chiave è fare le cose che devi fare oggi per mettere te stesso in una posizione migliore domani.
Qual è la cosa che puoi fare oggi che apporterà risultati domani? Cosa puoi fare quest’anno che ti lascerà in una posizione migliore per il prossimo anno?

 

Connessioni

Le persone di maggior successo curano attentamente cosa e chi hanno lasciato entrare nelle loro vite. Questi collegamenti sono spesso l’inizio di una “reazione a catena”.

I comportamenti di coloro con cui ti associ spesso diventano i tuoi. Cosa leggi, chi frequenti e chi segui sono tutte cose destinate a modellare i tuoi pensieri futuri.

Prenditi del tempo per fare una lista delle persone con cui passi più tempo. Non solo amici, conoscenti e colleghi, ma anche persone “virtuali” come le newsletter e le persone/entità che segui sui social.

  • Quali amici ti danno energia positiva?
  • Quali hanno impatto negativo sulla tua energia?
  • Chi ti fa sentire in colpa per aver fatto una scelta diversa?
  • Chi è passivo aggressivo?
  • Chi mi coinvolge costantemente nel loro dramma?
  • Chi è presente e si fa sentire? Chi dà stimoli positivi e costruttivi?
  • Chi ha il tipo di comportamento che vuoi evitare?
  • Chi sui social tende a essere negativo?
  • Chi ha sempre un opinione su tutto?
  • Chi mi ispira e fornisce nuove idee?
  • Chi è esperto nel suo campo?

Sappiamo che tendiamo a essere la media delle cinque persone che frequentiamo di più. Spesso però ci dimentichiamo che in questa “media” dovremmo considerare anche gli “amici virtuali”.

 

Cambio di mentalità

Emula le azioni delle persone che raggiungono il successo. Se ci fosse una troupe cinematografica che ti segue tutto il giorno documentando il tuo successo, faresti tutte quelle cose che fa qualcuno di successo.
Adottare la mentalità di qualcuno che raggiunge il successo può essere un modo efficace per vedere dove stai facendo cose che portano a raggiungere i tuoi obiettivi e dove stai facendo cose che ti intralciano.
Ad esempio, se ci fosse una troupe cinematografica impegnata a fare un documentario sulla tua giornata per spiegare il segreto del tuo successo, probabilmente non passeresti ore sui social…
Considera quali azioni vorresti che i tuoi fan vedessero in un documentario sul tuo successo e quali vorresti invece evitare.

 

Modalità facile/difficile

Nel mondo reale non esistono compiti difficili.

Uno dei motivi per cui i migliori al mondo sembrano ottenere costantemente risultati è che operano sempre in modalità facile.

Fare le cose in modalità facile vuol dire arrivati preparati alle stesse. Una riunione sarà facile se ci saremo preparati sugli argomenti, saremo puntuali e la sera prima saremo andati a letto a un ora consona senza fare tardi e bere come un lavandino 😉

Organizza per fare le cose su cui hai controllo e i compiti diventeranno più facili. La modalità facile non garantisce la vittoria, ma la rende più probabile. Stai giocando in modalità facile o difficile? Cosa puoi fare per arrivare più preparato?

Alcuni trucchi per una modalità facile? Crea delle routine, mangia salutare, non esagerare con l’alcool, non dare gli altri per scontati, investi nelle tue relazioni, fai esercizio fisico, risparmia denaro, dormi abbastanza.

 

Per finire, ti faccio i miei migliori auguri di riuscire a realizzare tutti i tuoi obiettivi anno nuovo. Sono certo che ce la farai e se posso esserti d’aiuto in qualche modo, sai come trovarmi!

1 commento su “Obiettivi anno nuovo, 7 domande e riflessioni per grandi risultati”

  1. Pingback: Competenza nel lavoro, così bravo che non potranno ignorarti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.