Il successo in pratica, secondo Charlie Munger

Charlie Munger, l’investitore miliardario e socio in affari di Warren Buffett, è morto il 28 novembre 2023 all’età di 99 anni.Pur non essendo questo un blog finanziario, è innegabile che i soldi ed il successo siano parte importante di molti percorsi di crescita personale. Abbiamo quindi pensato a un piccolo tributo a Charlie Munger, uno degli esempi di successo più noto al mondo, realizzando un piccolo riassunto della sua vita, le sue ambizioni e le sue regole per il successo.

 

Chi era Charlie Munger

Charlie Munger è stato vicepresidente di Berkshire Hathaway, nonché il più stretto collaboratore e braccio destro di Warren Buffett (due veri e propri esempi di successo). Investitore leggendario e pragmatico, attivo filantropo, Munger si è laureato in legge ad Harvard ed è noto per la sua vasta saggezza in una moltitudine di discipline, tra cui psicologia, economia, biologia, storia e fisica. Munger ha ricoperto la carica di direttore presso Costco Wholesale Corporation e presidente del Daily Journal Corporation. Una versione condensata del suo libro, “Poor Charlie’s Almanack,” sarà pubblicata nel 2024, in commercio si trovano ancora copie cartacee e digitale della sua “opera prima”.

esempi di successo Charlie Munger
esempi di successo Charlie Munger

Esempi di successo: Charlie Munger

La sua storia

Il voyage verso la realizzazione professionale assume spesso una traiettoria non lineare. Dopo aver conseguito la laurea presso l’Università di Giurisprudenza di Harvard, ho fatto il mio ingresso in uno studio di alto profilo in California. Ho eretto una dimora, fondato una famiglia, e mi sono dedicato intensamente per anni.

Nonostante ciò, l’ardente desiderio di accumulare ricchezza al di là delle aspettative di un avvocato senior mi stimolava. Ho cominciato ad investire in titoli, imprese e sviluppo immobiliare, prima di dar vita a uno studio legale in collaborazione con alcuni colleghi.

Anni di successi nell’ambito legale non hanno placato la mia insoddisfazione per la pratica giuridica. Preferivo l’autonomia di un capitalista, il gusto di comprendere le dinamiche e scommettere sulle opportunità. La preferenza di assumere decisioni e investire denaro mi faceva propendere a credere di poterlo fare meglio del cliente stesso.

In una serata a Omaha, durante una cena, fui introdotto a un individuo di nome Warren Buffett. Con Warren, ho condiviso idee su affari, finanza, storia e investimenti. Fu lui a convincermi ad abbandonare la pratica legale al più presto, una scelta che si rivelò incredibilmente sagace.

Le tre regole cardine per la realizzazione professionale, che mi hanno sempre guidato, possono essere di ausilio a chiunque stia valutando decisioni di carriera, sebbene soddisfarle tutte sia un’impresa quasi titanica.

 

  1. Non commercializzare nulla che non acquisteresti personalmente.

La via più sicura per perseguire ciò che desideri è meritarlo. È un concetto elementare, una sorta di regola d’oro: offri al mondo ciò che compreresti tu stesso se fossi dall’altra parte.

Questa etica, a mio avviso, è la migliore guida per chiunque. Coloro che la abbracciano, in generale, non solo conseguono successo finanziario e onori, ma guadagnano anche rispetto e fiducia ben meritata con chiunque abbiano a che fare.

Inoltre, trae grande piacere dalla vita chi guadagna fiducia meritata. Reputazione e integrità rappresentano risorse incommensurabili, che possono essere dissipate in un attimo.

 

  1. Non lavorare per chi non rispetti e ammiri.

Evita soprattutto di essere sottoposto alla direzione di individui che non ammiri e che non vorresti emulare. È pericoloso. Tutti noi siamo soggetti, fino a un certo punto, al controllo di una figura autoritaria, specialmente quando veniamo gratificati periodicamente. Affrontare adeguatamente questa situazione richiede talento e volontà.

Nel mio passato, ho affrontato questa sfida identificando persone ammirabili e, con abilità, manovrando in modo tale da collaborare con individui del giusto calibro, spesso senza criticarne alcuno.

In generale, i frutti della tua vita saranno più soddisfacenti se collabori con individui che giustamente ammiri.

 

  1. Collabora solo con persone che ti siano gradite.

Ho imparato che un profondo interesse per qualsiasi argomento è cruciale per eccellere veramente. Potevo sforzarmi di raggiungere un livello di competenza in molte cose, ma eccellere in qualcosa richiedeva il gusto o il divertimento.

 

Ove possibile, cerca opportunità che suscitino in te un profondo interesse, preferibilmente in compagnia di persone con cui ti trovi bene.

Un’altra pratica che ti consiglio è dedicarti con impegno. Mi piace questa espressione perché per me significa: “Siediti e persevera finché non raggiungi il tuo obiettivo“. Ho avuto soci meravigliosi, caratterizzati da tale impegno per l’impegno, per tutta la mia vita.

Credo di averli ottenuti in parte perché ho cercato di meritarli, in parte perché ho avuto la prudenza di selezionarli, e in parte per puro caso.

Sono stato incredibilmente fortunato nella mia vita, seguendo queste regole di base. Con Warren Buffett, sono riuscito a rispettarle tutte e tre.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.