libri da regalare

Libri da regalare, ispirati alla mia lista di libri letti nel 2023

Ogni Natale sempre lo stesso problema. Abbiamo ormai tutto e quello che ci serve lo prendiamo nel momento in cui ne abbiamo bisogno, nessuno aspetta più il Natale per realizzare un desiderio materiale e fare un regalo diventa sempre più difficile. A mio parere ci sono però tre categorie di regalo che non stancheranno mai: un esperienza, qualcosa da mangiare o da bere e un libro (digitale e cartaceo). Ho quindi pensato di fare un bel Wrapped stile Spotify delle mie letture del 2023, una specie di lista di libri da regalare da cui puoi attingere.

Eccola.

 

Libri da regalare, ispirati alle mie letture

Non è il primo anno che pubblico la mia lista di libri letti (qua quella del 2022). Anche quest’anno sono partito con un obiettivo bello chiaro in mente, non quello di un libro alla settimana, missione improbablie per chi ha un lavoro, una famiglia, altre passioni etc etc ma quello di un paio di libri al mese.

Missione superata!

Oltre a un valore quantitativo, ho cercato poi di variare anche nella tipologia settoriale, mescolando letteratura leggera a quella per la crescita personale, istruzioni per l’uso (gestione dei figli) a romanzi.

Come ogni anno le mie letture si suddividono anche per strumento: libro cartaceo e digitale (Kindle e Mlol) e per origine libreria tradizionale di paese, libreria online (Amazon, ovviamente) e biblioteca (cartaceo e online con Mlol).

Eccoli:

Dicembre:

  • Tomorrow, tomorrow, and tomorrow. Gabrielle Zevin. L’ammetto, mi ha incuriosito per la copertina. Sì, sono innamorato de La Grande Onda di Kaganawa, ma mi è piaciuta l’idea del gioco e della programmazione dello stesso che fanno da “traccia basale” a tutta l’opera.
  • Organizzati e felici. Daniele Novara. Non lo conoscevo, ma sentivo il bisogno di conforto e di lezioni da chi poteva insegnarmi qualcosa di nuovo. E poi cìè chi dice che crescere dei figli sia una cosa semplice…

Novembre:

  • Mai dire ma. Jocko Willink. Un super esempio di disciplina il buon Jocko. Un libro che ho scelto di leggere per cercare di avere ancora più mezzi e strumenti per definire i miei obiettivi e raggiungerli, combattendo allo stesso tempo con la sempre presente e molto subdola procrastinazione.
  • Sul senso della vita. Viktor E. Frankl, con introduzione di Daniel Goleman. Dare un senso alla vita per sopravvivere alla vita. Scritto da una persona che è scampata ai campi di concentramento, non dal solito guru della crescita personale (con il massimo rispetto, sempre) che l’ha pensato seduto nel suo ufficio.
  • Quando eravamo i padroni del mondo. Aldo Cazzullo. Roma e i romani, il mio popolo, il mio periodo storico preferito. E il tuo invece, qual’è?

Ottobre:

  • Troppo comodi. Michal Easter. Hai bisogno di dare un sferzata alla tua vita? Leggi questo libro. Probabilmente tra i libri di “crescita personale” da me letti, il migliore del 2023. Ora sono alla ricerca di un Misogi, qualche idea?
  • La leadership resa semplice. William H. McRawen. I principi di un navy seal per la guida di un gruppo o un team, con indicazioni e lezioni anche per chi deve guidare solo se stesso.
  • Lezioni. Ian McEwan. Una lezione di letteratura e di pensiero critico. Non l’ho trovato molto scorrevole e mi ha lasciato domande e dubbi, quindi, missione compiuta ;-).
  • Navi perdute. Williams. Esploratori e navi antiche, un altro tema a cui sono particolarmente appassionato.

Settembre:

  • Oltre Alex Bellini. La mente umana osservata dal punto di vista di un atleta, esploratore e sportivo.
  • Una volta sola. Mario Calabresi. Storie di chi ha avuto il coraggio di scegliere.
  • The 5-second rule. Mel Robbins. Il modo migliore e più veloce per cambiare la tua vita. Interessante, ma ancora non ha fatto miracoli ;-).
  • Niente può fermarti. David Goggins. Nonostante la copertina poco efficace, il suo autore e il libro lo è molto. Una storia di fallimenti, missioni e voglia di ripartire. Ho apprezzato il libro ma a mio parere è un pò troppo un “americanata” e non sono riuscito a trarre una vera lezione dallo stesso.

Agosto:

  • Come fare per avere più tempo. Oliver Burkeman.
  • Come smettere di farsi le seghe mentali e godersi la vita. Giacobbe. L’ho anche recensito!

Luglio:

  • Atomic habits. James Clear. Probabilmente alla quarta lettura… sempre interessante ed efficace.
  • La legione degli immortali. Massimiliano Colombo.
  • Condividere valori per creare valore. Michele Ferrero. La storia del patron della Nutella e di tante altre dolci invenzioni.
libri da regalare
libri da regalare12

Giugno:

  • Il colibrì. Sandro Veronesi. Una vita di sospensioni e coincidenze.
  • €100 bastano. Chris Guillebeau. Altro libro che è quasi una lettura annuale, ottimo spunto per progetti imprenditoriali e di side business, per quanto mi riguarda un ottima alternativa a “4 ore alla settimana“, forse anche più pratico.
  • Come funziona davvero il mondo. Vaclav Smil. «Non sono né un pessimista né un ottimista, sono solo uno scienziato che prova a spiegare come funziona davvero il mondo».

Maggio:

  • Restare in piedi tra le onde. Gennaro Romagnoli. L’ho scoperto anni fa grazie ai suoi podcast compagni di viaggio e di corsa, una lettura era d’obbligo…
  • Guida definitiva a (quasi) tutto. Hannah Fry, Adam Rutherford. Il nome spiega bene il libro.
  • Il serpente e il faraone. Marco Buticchi. perché un pò di letteratura d’evasione è necessaria.

Aprile:

  • Breve storia di (quasi) tutto. Bill Bryson. Tuttologia, ma fatta bene.
  • In fuga verso la libertà. Mark Sullivan. A margine della II guerra mondiale, una storia e che storia.
  • L’ingegno e le tenebre. Roberto Mercadini. Michelangelo e Leonardo, parallelismi e differenze.

Marzo:

  • Greenlights. Matthew McConaughey. “Sono in questa vita da cinquant’anni, ne scruto l’enigma da quarantadue, e da trentacinque tengo un diario pieno di idee su come risolverlo.”
  • L’ultima città perduta. Fernando Gamboa. Un altro momento di evasione.
  • Il più grande venditore del mondo. Og Mandino. Crescita personale e arte della vendita.

Febbraio:

  • Una testa piena di sogni. Federica Marchionni. Non lo so, non lo rileggerei e non mi ha lasciato molto, ma è una valutazione totalmente personale.
  • Leggermente fuori fuoco. Robert Capa. Un fotografo e la sua missione di vita.
  • Il cimitero di Venezia. Matteo Strukul. Bello!

Gennaio:

  • La ragazza che giocava con il fuoco. Stieg Larsson. Avevo già letto questa trilogia, ma avendo terminato per la seconda volta il primo libro a fine 2022, dovevo completare il tutto.
  • La regina dei castelli di carta. Stieg Larsson. Il completamento della trilogia di Millennum.
  • Ultra. Folco Terzani. Avere tutto ma allo stesso tempo non avere niente. Un manuale sul piacere della corsa, perfetto per chi come me, lo trova solo a momenti alterni.

E tu che libri hai letto quest’anno? Quali consiglieresti? E se dovessi scegliere uno solo tra questi libri da regalare, quale sarebbe la tua scelta?

Ti serve un regalo per qualcuno che non ama la lettura? Valuta un regalo per chi ama viaggiare

Condividi:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.