Noia. Come sfruttare il potere creativo generato dalla stessa

La temiamo e facciamo di tutto per evitarla, compreso perdere tempo, eppure può essere una grande alleata, parliamo della noia.

Quando presti attenzione alla noia, diventa incredibilmente interessante.

Jon Kabat-Zinn

Se sei arrivato a questo articolo, probabilmente eri alla ricerca di qualche soluzione all’annoiarsi. Ora hai due scelte:

  • Puoi leggere questo articolo, capire come sfruttare la noia e usarla al meglio
  • Decidere di fare qualcosa per annoiarti meno e per non sprecare il tuo tempo, ti consiglio un articolo a caso di UnMillimetro

Scegli e poi fammi sapere nei commenti cos’hai deciso, sono davvero curioso di conoscere la tua scelta!

 

Noia e distrazioni

Le distrazioni sono tutte intorno a noi.

Quando abbiamo un compito da fare ne compare sempre almeno una e solitamente è pure molto interessante, sicuramente più del compito che avevamo programmato in precedenza.

A portarci a scegliere la via facile ci pensa solitamente un insieme di procrastinazione e cervello rettiliano, che ci spingono per la via che dà soddisfazioni immediate, rispetto a quella faticosa che richiede sforzo applicativo e uso della creatività.

 

Perché la noia è una parte così potente nella tua vita

Sei annoiato o stai solo vivendo la noia?

La differenza tra le due può determinare la soddisfazione della tua vita.

La noia non è mancanza di stimoli. Ironia della sorte, più distrazioni e stimoli esterni perseguiamo, più ci annoiamo.

L’atto di annoiarsi è una tabula rasa. Essere annoiati è evasione: è uno stato mentale che scegliamo per evitare l’auto-riflessione.

Ci sentiamo annoiati perché, nel profondo di noi stessi, sappiamo di poter dare di più. La noia è il dolore del potenziale inutilizzato; è una disconnessione da tutto ciò che possiamo offrire al mondo e viceversa.

Uno strumento potente che ti invita a ripensare il tuo rapporto con il mondo, è un gusto acquisito.

“Non mi annoio mai; annoiarsi è un insulto a sé stessi.
— Jules Renard

Alcuni psicologi credono che la noia sia un tratto. La “scala della propensione alla noia” misura la nostra propensione a sentirci annoiati. Al contrario, la “Scala multidimensionale della noia di stato” misura i sentimenti di noia di una persona in una data situazione: è quindi un valore dinamico, non fisso.

La noia non è esterna; è come ti impegni con il mondo.

John Eastwood, direttore del Boredom Lab della York University, ritiene che la noia sia una “crisi di significato”. Ci invita a riflettere su come ci relazioniamo con il mondo.

Eastwood ha sfatato l’idea sbagliata secondo cui “solo le persone noiose si annoiano”. Il professore canadese ha trovato due distinti tipi di personalità che soffrono di noia, e nessuno dei due è particolarmente noioso.

Il primo tipo di persone ha una mentalità impulsiva e cerca continuamente nuove esperienze. Il mondo non è abbastanza stimolante per loro.

Il secondo tipo ha il problema opposto: il mondo è un posto spaventoso. Cercano di non uscire dalla loro zona di comfort. La loro alta sensibilità al dolore li fa ritirare. Tuttavia, non si sentono soddisfatti di sentirsi a proprio agio e la noia cronica prende il sopravvento.

 

L’origine della noia

Viviamo in una società piena di stimoli e divertimenti, eppure non abbiamo mai sofferto di noia come adesso.

La noia è una malattia sociale.

Secoli fa, quando le persone erano impegnate a cercare di sopravvivere, la noia non era una scelta. Passavano tutto il loro tempo a procurarsi cibo o riparo; non avevano tempo per annoiarsi.

Ora siamo sovra-stimolati: il facile accesso a infinite opzioni d’intrattenimento ci porta ad annoiarci di più.

“Più ci divertiamo, più intrattenimento abbiamo bisogno per sentirci soddisfatti. Più riempiamo il nostro mondo di stimoli in rapido movimento, ad alta intensità e in continua evoluzione, più ci abituiamo e meno diventiamo tolleranti nei confronti dei livelli inferiori.

Sandi Mann, autrice di The Upside of Downtime: Why Boredom is Good

Desideriamo più tempo. Tuttavia, quando abbiamo del tempo libero, non sappiamo cosa farne. Niente sembra abbastanza eccitante da meritare il nostro tempo prezioso. Finiamo per non fare nulla e ci annoiamo.

Evitare la noia può essere più dannoso della stessa.

Nella vita di tutti i giorni, per impostazione predefinita, utilizziamo un classico antidoto contro la noia: la compagnia. Associamo lo stare in compagnia degli altri al divertimento. Per la maggior parte delle persone, essere soli e non annoiarsi suona controintuitivo.

Abbiamo difficoltà a divertirci nella nostra stessa compagnia.

Ecco perché le persone abbracciano la frenesia: non ti rendi conto di essere annoiato quando corri da un posto all’altro. Essere occupati è una forma di intrattenimento complicata: non ci annoiamo, ma non ci divertiamo nemmeno.

Affronta questo nemico sottile

“Chi si fortifica completamente contro la noia si fortifica anche contro se stesso. Non berrà mai l’elisir più potente dalla sua sorgente più intima.

Friedrich Nietzsche

Annoiarsi è uno stato mentale dannoso.

Cercando di scappare da esso, rimani intrappolato in sottili trappole. Una volta che ti sei reso conto degli effetti collaterali, è troppo tardi: i piccoli comportamenti si sono trasformati in un’abitudine.

Quando ti senti annoiato, perdi la concentrazione. Problemi di attenzione cronici come deficit di attenzione o disturbi di iperattività sono collegati alla monotonia.

La noia cronica, il sentirsi continuamente annoiati, ha una relazione diretta con i comportamenti compulsivi.

La ricerca mostra che la noia è responsabile dell’aumento del rischio di eccesso di cibo, gioco d’azzardo, alcol e abuso di droghe, tra gli altri. Gli individui con un’elevata predisposizione ad annoiarsi hanno più possibilità di soffrire di ansia, disturbi ossessivo-compulsivo e depressione.

La noia può portare anche alla procrastinazione. Quando le persone si annoiano durante una riunione, una conferenza o analizzando un report, le loro prestazioni diminuiscono drasticamente. La noia cronica è una delle principali cause di depressione anche sul posto di lavoro.

 

Trasformare la mente oziosa in un alleato

Quando ci sentiamo annoiati, desideriamo ardentemente più intrattenimento e distrazioni. Tuttavia, ciò creerà più frustrazione e delusione.

Per sconfiggere la noia servono meno stimoli e novità, non di più.

 

Sei al comando

Friedrich Nietzsche si riferiva alla noia come alla “sgradevole calma che precede gli atti creativi”.

Abbraccia la noia come una forza positiva. Ecco cosa puoi fare:

Le persone con una maggiore consapevolezza di sé e autocontrollo sono meno inclini a sentirsi annoiate. La meditazione è un potente strumento per liberare il tuo modello di pensiero ripetitivo. Una volta che smetti di resistere alla noia, non è più minacciosa.

 

La noia alimenta la creatività

Al tuo cervello piace sfuggire alla sensazione dell’annoiarsi; invece di fornire stimoli esterni, lascia che si nutra di elementi interni. Il vagabondaggio della mente invita alla creatività; piuttosto che cercare di concentrarsi su stimoli esterni, lascia che trovi la sua strada passando da un’idea all’altra.

 

Evita la tecnologia quando ti annoi

Gli “snack “di intrattenimento ti faranno desiderare di più; piuttosto che controllare la tua noia, il tuo bisogno di distrazione non sarà mai soddisfatto. La tecnologia è tutt’altro ad annoiarsi .

 

Recupera la gioia nello svolgere compiti banali

Siamo così a nostro agio che la nostra mente rifiuta di fare le faccende. Si sentono noiosi, sicuramente non per noi. Recuperare il piacere di svolgere piccoli compiti crea un senso di orgoglio e realizzazione

Allena la tua mente a capire che la noia non riguarda ciò che fai, ma come lo fai.

Annoiarti ti aiuta a ripensare al tuo rapporto con il mondo. La monotonia risiede nella tua mente.

Condividi:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.