Akrasia, cos’è e perché ti ruba i sogni e la vita

Akrasia

Tratteggiata da più di 2000 anni dai più eminenti filosofi greci che l’hanno anche battezzata, Akrasia è una condizione che ti ruba e condiziona la vita.

 

Akrasia: il significato

Il termine Akrasia deriva direttamente dalla parola greca ἀκρασία, che letteralmente significa “assenza di comando”. Descritta solitamente come mancanza di volontà o di autocontrollo, è quella condizione che in tempi moderni potrebbe essere definita come “stallo”, “inazione” o “masochismo”.

Rappresenta infatti l’agire in maniera più o meno conscia contro la nostra volontà.

Tratteggiata da Socrate ed Aristotele, l’Akrasia è quella condizione in cui l’uomo (o la donna) non agisce seguendo le indicazioni della ragione ma quelle della passione del momento.

L’Akrasia (secondo la definizione aristotelica) poggia la sua “forza” su due pilastri, molto diversi, eppur simili come risultato:

  • Debolezza: in questo caso il desiderio di piacere (agli altri, ad un sé stesso ideale) guida le nostre scelte portandoci a risultati tuttalpiù effimeri.
  • Impetuosità: rabbia, passione ed emozioni forti possono superare la razionalità nelle nostre scelte

La visione del XXI secolo di Akrasia è invece un po’ diversa, visto che viene spesso associata (o addirittura confusa) con la procrastinazione.

 

Akrasia e procrastinazione, entrambi ostacoli, ma molto diversi.

Leggi tutto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: