Come non procrastinare e superare la resistenza mentale

Se vuoi ottenere il pieno controllo della tua vita dovrai imparare come non procrastinare. Riuscire a smettere o ridurre questa cattiva abitudine ti permetterà infatti di arrivare in maniera più semplice ai tuoi obiettivi, rimuovendo gli ostacoli interni come ad esempio la resistenza mentale.

 

Quante volte ti sei detto lo farò domani? Quante volte una distrazione ha ottenuto la tua attenzione a discapito del compito a cui ti dovevi dedicare?

E quante volte ti sei detto che da lunedì sarai a dieta?

 

La procrastinazione è un nemico quotidiano, sempre pronta a lusingarci con promesse immediate, per poi fregarci nel lungo periodo.

Un nemico che sembra aver guadagnato terreno grazie all’avvento delle “distrazioni digitali” (a proposito hai visto il nostro nuovo post? Dai, scherzo! 🤣🤣🤣) ma che esiste da almeno duemila anni visto che é stato sperimentato e subito anche dagli antichi Greci e Romani.

 

Ecco perché imparare come non procrastinare è un abilità necessaria da sviluppare ed applicare ogni giorno.

 

Oggi scopriremo come non procrastinare…con un libro!

Il libro in questione é The War of Art di Steven Pressfield, denominato nella versione italiana “La guerra dell’arte: Supera i blocchi interiori e vinci le tue battaglie creative”

Secondo l’autore, esistono alcune condizioni o situazioni più comuni che attivano il processo della procrastinazione. L’autore evidenzia sette categorie:

  • Attività creative (come la scrittura, la pittura, la musica o la recitazione).
  • L’avvio di qualsiasi impresa imprenditoriale (o di un side business).
  • L’avvio di una dieta o una routine di esercizio fisico.
  • Quasiasi tipo di apprendimento migliorativo.
  • Cambiamento nella frequentazione di tipo spirituale (dalla frequentazione del culto religioso fino allo yoga o alla mindfulness)
  • Cambiamento comportamentale di qualsiasi tipo
  • Automiglioramento (stop alle cattive abitudini ed implementazione di buone abitudini come il diario)

Il fattore comune, che emerge é che la procrastinazione entra maggiormente in azione quando l’attività che vogliamo fare é quella che ci può far migliorare. Il nostro cervello rettiliano non é d’accordo a questo cambiamento di routine e ce lo fa notare facendoci scegliere una strada che “pensando solo al presente” sembra meno difficile e più sicura.

 

Usa la resistenza come una bussola

Secondo Pressfield, la resistenza punta al tuo vero ‘nord’. In altre parole, la resistenza è solitamente più forte per le attività che hanno il maggior potenziale di cambiamento nella tua vita.

Questo è il motivo per cui possiamo usare la resistenza come bussola per l’azione.

“Più una chiamata o un’azione è importante per l’evoluzione della nostra anima, più resistenza proveremo nel perseguirla.” —Steven Pressfield

Personalmente provo più resistenza mentale quando devo scrivere rispetto a quando devo andare a fare la spesa.

Sento una maggior resistenza quando devo fare una importante telefonata, rispetto a quando mi metto a organizzare la mia to-do-list.

E sì, percepisco una resistenza maggiore verso l’andare a correre rispetto all’andare al Decathlon per comprare l’abbigliamento tecnico.

In altre parole, la resistenza mentale mi mostra cosa è veramente importante nella mia vita. Ecco perché, invece di vedere la resistenza come qualcosa che non dovrei provare, io uso la resistenza come una bussola per un azione di valore.

Mi mostra esattamente cosa dovrei fare per migliorare la mia salute, la mia carriera o la qualità generale della vita e mi guida sul come non procrastinare.

 

La resistenza non va mai via

La dura verità è che la resistenza mentale non scompare mai.

Sfortunatamente, non è qualcosa che puoi risolvere una volta e poi non appare mai più. La battaglia con la procrastinazione deve essere combattuta ogni giorno: è il prezzo che devi pagare quando ti sforzi per obiettivi grandi e meritevoli.

Fa schifo, vero?

Ecco perché è essenziale imparare come funziona la procrastinazione e quali attività scatenano la resistenza dentro di te. Ed è per questo che è necessario disporre di routine quotidiane che ti aiutino a vincere la battaglia con la procrastinazione.

L’unico aspetto positivo qui è che quando impari a vincere la battaglia quotidiana con la procrastinazione, sarai più produttivo del 99% delle persone. Questo aumenta enormemente le probabilità a tuo favore di raggiungere la vetta nel tuo campo.

 

La procrastinazione è subdola

La procrastinazione è subdola, molto subdola. È così subdola che in realtà razionalizziamo il nostro comportamento quando ne siamo coinvolti. Questo lo rende un’abitudine pericolosa che può sabotare i nostri più grandi obiettivi e lo scopo della vita.

Come dice Pressfield, “Non diciamo a noi stessi, ‘Non scriverò mai la mia sinfonia.’ Invece diciamo: ‘Scriverò la mia sinfonia; Inizierò domani.’”

In realtà ci crediamo quando diciamo cose del genere. Eppure, quando arriva il domani, di solito diciamo la stessa identica cosa.

Ecco perché la procrastinazione è così subdola. Ogni giorno che rimandiamo il nostro lavoro, la resistenza svuota lentamente la nostra passione, scopo e ambizione. ” Lo farò domani” ha probabilmente impedito a più persone di realizzare il loro potenziale rispetto a qualsiasi altra frase.

Non farlo domani, fallo oggi. Oggi è tutto ciò che hai.

 

Smettila di fantasticare: fai il lavoro

“Le fantasie grandiose sono un sintomo della Resistenza. Sono il segno di un dilettante. Il professionista ha imparato che il successo, come la felicità, è un sottoprodotto del lavoro. Il professionista si concentra sul lavoro e lascia che la ricompensa arrivi o non arrivi”.

Steven Pressfield.

Fantasticare viene spesso visto come un sistema per anticipare il futuro, ma in realtà é solo un modo, magari sofisticato, per procrastinare.

Il problema del fantasticare (e di tutte le attività ad esso associate – meditare, visualizzare, tenere un diario, ecc.) sul successo invece di lavorarci davvero, è che ti sembra di fare progressi . Ma questa è una sensazione falsa. È più l’inganno della procrastinazione.

Visualizzare il successo non è la stessa cosa che lavorare in quella direzione. Meditare sui tuoi obiettivi non è la stessa cosa che metterti al lavoro per raggiungerli. Scrivere un diario sui tuoi sogni non è la stessa cosa che lavorare per trasformarli in realtà.

So che l’industria dell’autosviluppo può promuovere molto queste attività – e non nego che queste attività non siano utili – ma per favore renditi conto che non sono la stessa cosa che fare il lavoro. Neanche vicino. Niente può sostituire il lavoro.

come non procrastinare
come non procrastinare, un libro che può aiutare

Non devi sempre essere ispirato

Non ti sentirai sempre ispirato a fare il lavoro. Purtroppo, non ti sentirai sempre pieno di energia per fare il lavoro. Non sarai sempre entusiasta di fare il lavoro. E va benissimo. Non devi sentirti bene per fare il lavoro, ma fare il lavoro ti farà quasi sempre sentire bene.

“Gli anni mi hanno insegnato un’abilità: come essere infelice. So come stare zitto e continuare a cantare”. —Steven Pressfield

Le circostanze non saranno quasi mai perfette, quindi devi imparare a sederti e fare comunque il lavoro. Devi imparare a superare la parte schifosa. La parte in cui non vuoi fare il lavoro. La parte in cui preferiresti di gran lunga distrarti con Netflix o i social media. Zitto e continua a cantare, come direbbe Pressfield.

I professionisti non aspettano l’ispirazione, l’eccitazione o l’energia. Seguono il loro programma e si siedono per fare il lavoro a prescindere. La cosa divertente è che l’ispirazione, l’eccitazione e l’energia tendono a manifestarsi una volta che hai superato la parte schifosa. È il potere dello slancio, il potere di sedersi e fare il lavoro.

 

Come non procrastinare? Segui le regole di “The Pro”

Nella seconda parte del libro, Pressfield scrive riguardo a tutte le regole che “il professionista” segue rispetto alla maggior parte dei dilettanti. Ecco le più efficaci anche per “il mercato italiano”:

Il professionista si presenta: dove il dilettante si presenta solo quando si sente ispirato, eccitato o motivato, il professionista segue il programma e si presenta, qualunque cosa accada. Il professionista si rende conto che presentarsi è il fattore più importante per battere la procrastinazione. Ogni volta che non ti presenti, la resistenza diventa più forte e avrai il doppio delle probabilità di procrastinare di nuovo il giorno successivo. Presentati, siediti e fai il lavoro.

Il professionista è paziente: il professionista ha una prospettiva a lungo termine e capisce che costruire grandi cose richiede tempo. Il professionista è, quindi, paziente e coerente.

Il dilettante, d’altra parte, pensa che i progressi arrivino rapidamente e perde la pazienza quando i risultati restano lontani. Smettono, si lanciano in altri sforzi e si innamorano di hype, mode e tendenze sperando di diventare ricchi velocemente o di perdere 10 chili in 10 giorni. Il professionista si rende conto dell’importanza della concentrazione, della pazienza e della coerenza.

Il professionista agisce di fronte alla paura: come dice Pressfield, “Il dilettante crede di dover prima superare la sua paura; allora può fare il suo lavoro. Il professionista sa che la paura non può mai essere superata. Sa che non esistono guerrieri senza paura o artisti senza paura”.

I professionisti sono ugualmente terrorizzati dal fallimento o dalle critiche, ma si spingono avanti nonostante questa paura. Il professionista sa che una volta entrata in azione, la sua paura si ritirerà e starà bene. Egli non lascia che la paura porti alla procrastinazione. Il professionista agisce nonostante la paura.

Un professionista non prende personalmente il fallimento o le critiche: uno dei motivi principali per cui i dilettanti procrastinano è che prendono personalmente il fallimento e le critiche. Questo li paralizza. Un altro subdolo trucco della procrastinazione.

Il dilettante vede la critica al proprio lavoro come critica a se stesso come persona. Vedono il fallimento del loro lavoro come un fallimento di loro come persona. Pertanto, il dilettante preferisce non esporsi a questi rischi.

Il professionista, d’altra parte, capisce che il suo lavoro non è la sua persona. È il suo lavoro, non la sua identità.

Quando ciò accade, il professionista impara dalla propria esperienza, ricomincia e costruisce qualcosa di meglio, senza legare il proprio lavoro alla propria identità. Questa mentalità è essenziale per disarmare la resistenza mentale.

 

Procrastinare é il male, imparare come non procrastinare è una necessità. Farlo con un libro, questo libro, una possibilità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: