Gestione del tempo, i 10 errori più comuni e come evitarli

Quello della gestione del tempo è un tema molto appassionante, ma spesso di difficile gestione 😉.

Forse quello che ti manda in crisi e fa saltare tutti i tuoi buoni propositi sono degli errori nella stessa. Errori comuni che si ripetono in tantissimi casi.

 

Ecco qua il decalogo degli errori nella gestione del tempo:

Evita questi dieci e ti ritroverai già in un ottima situazione…

 

1. Mai pensare o immaginare il tuo futuro.

In un ideale decalogo della gestione del tempo, questa è una delle voci che troveremmo sempre almeno sul podio. Le persone che hanno successo ed hanno creato risultati straordinari nelle loro vite e carriere sono infatti tipicamente visionari. Non si concentrano sul domani, ma vedono nel futuro.

Ragionare sui progressi e le conseguenze ci permette infattid i farci trovare pronti e maggiormente preparati. Se inizi a “vedere il futuro” avrai anche un altro vantaggio collaterale; una grandissima spinta e motivazione a farlo diventare realtà, qualcosa che ti servirà e non farà affatto male!

2. Non prenderti un pò di tempo per pianificare.

“Se non riesci a pianificare, hai intenzione di fallire.”

Come molte delle citazioni più condivise, anche questa contiene una grande verità. Molte persone non pianificano, oppure lo fanno solo per le ore lavorative. In entrambi i casi si sta commettendo un errore di fondo, perché se non pianifichi, sprecherai tempo per decidere cosa fare e potresti finire a fare cose che non ti piacciono realmente. Non devi pianificare ogni minuto o ogni ora per il tuo weekend. Però potresti pianificare da 3 a 5 attività che vuoi fare durante il fine settimana. Ad esempio, potresti pianificare lo sport, i momenti sociali, quelli dedicati allo shopping e quelli riservati al relax o alla crescita personale.

3. Iniziare la tua giornata in ritardo.

Se hai letto biografie o autobiografie di personaggi famosi troverai una costante che si ripete quasi sempre. Quella di alzarsi presto e di non arrivare mai in ritardo. Non é questione di quante ore lavori e quante dormi, ma è questione di prioritizzare. Tutti noi abbiamo più o meno un orario ufficiale di inizio, al lavoro, a scuola o autoimposto. É quello che facciamo prima (pianificare la giornata, meditare, fare sercizio, leggere e mille altre cose volendo) che può fare la differenza nel lungo periodo.

Iniziare la tua giornata in anticipo ti permetterà anche di non arrivare in ritardo, uno dei peccati capitali per quanto riguarda il successo e la tua organizzazione della giornata.

4. Focalizzarsi sulla cosa sbagliata.

Devi sempre avre i tuoi obiettivi ben chiari in mente, essi devono essere di fronte a te come un “traguardo volante”. Molte persone hanno difficoltà a gestire il proprio tempo perché si concentrano sul fare la cosa sbagliata. Se vuoi essere produttivo, devi assicurarti di lavorare su cose che contano davvero.

Non ti concentrare sul problema ma concentrati sui dati in tuo possesso e le soluzioni che puoi implementare.

5. Distrarsi lungo la strada.

Partiamo con uno scopo ben definito, ma come bambini al lunapark ci facciamo distrarre lungo la strada. Colleghi che ci interrompono per raccontarci i loro problemi, notifiche dei vari social media e delle app che usiamo per comunicare.

Interruzioni da pochi secondi che rischiano di farci perdere un bel pò di tempo, sia perché tendono ad “espandersi” sia perché ci vorra tempo per ritovare la concentrazione.

Ci distraiamo quando altre cose che ci compaiono davanti ci sembrano più “interessanti”. Finché ti concentri sui tuoi obiettivi e tieni sempre i tuoi obiettivi nella tua mente , avrai un ottimo “paraocchi” che ti permetterà di usare il tuo tempo dove e come vorresti.

Gestione del tempo
Gestione del tempo, 10 errori da evitare

6. Non avere obiettivi quotidiani.

Alla mattina inizi a lavorare con un’idea delle tue priorità o ti fai dettare il calendario dalle urgenze degli altri? Le persone di successo hanno sempre una chiara idea del risultato che desiderano; ecco perché sono in grado di procedere verso il futuro che vogliono.

Se non hai un obiettivo, come puoi sapere se lo hai raggiunto? Come puoi sapere se sei sulla buona strada o se stai producendo il risultato che desideri quando non sai esattamente cosa vuoi? È quando sei assolutamente chiaro con ciò che vuoi realizzare nella tua vita che sarai in grado di trovare le cose giuste da fare e gestire correttamente il tuo tempo.

7. Non avere una lista di cose da fare.

Una lista delle cose da fare é il modo migliore per capire cosa devi fare. Quando saprai cosa devi fare, sarai ben preparato. Una lista é un ancoraggio alla realtà, un sistema tangibile per avere sempre a disposizione una lista delle cose che dobbiamo fare e quelle che invece abbiamo già fatto.

I sistemi per tenere una lista sono molteplici ed io ti consiglio di integrarne due; io uso Todoist per gli impegni ricorrenti (ogni giorno, ogni settimana etc), quelli a lungo termine e quelli in una certa data (tranne gli appuntamenti, per quelli uso direttamente Calendar). Poi uso carta e penna per le cose del giorno, perché vedere compiti eseguiti mi dà soddisfazione e mi permette in un attimo di aggiungere altre cose o decidere l’ordine di priorità degli stessi.

8. Non staccare mai.

Quasi peggio che non iniziate mai c’è il tema dello staccare mai. Tema esacerbato dal mondo del lavoro e dei social media che ci vorrebbero sempre attivi e presenti H24. Però ogni tanto staccare é fondamentale, per fare un reset e magari dedicare tempo e attenzione alle cose veramente importanti della tua vita.

Questo si collega anche al punto 2…

9. Non trasformare le cose da fare in abitudini.

Alcune delle cose che fai tutti i giorni o svariate volte alla settimana sono inerenti a progetti a lungo termine (attività fisica ad esempio, imparare una lingua o un abilità). Per una gestione del tempo ottimale e risultati più semplici, dovresti considerare nella tua gestione del tempo e delle attività, queste cose come abitudini e non solo come semplici attività (tornando al punto 7, queste sono le attività che io ho in Todoist).

10. Il perfezionismo.

Non attendere che sia tutto perfetto, moltissime volte il famoso q.b. (quanto basta) si può applicare anche ai tuoi progetti e non solo in cucina.

“Se qualcuno ti offre un’incredibile opportunità ma non sei sicuro di poterlo fare, dì di sì, quindi impara a farlo in seguito!”

Richard Branson

Non è necessario comprendere ogni dettaglio per iniziare. Puoi iniziare subito e preparare una seconda versione dopo. Finché sei sempre in movimento e ti muovi, avrai un vantaggio sulle persone che pensano sempre ma non fanno nulla.

La gestione del tempo e delle proprie strategie è importante, ma entrare in azione é fondamentale!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: