Copertina libro Deep Work

Come lavorare meglio ed essere più produttivi?

Condividere è importante!

Come lavorare meglio ed essere più produttivi? Recensione del libro Deep Work di Cal Newport

 

Cal Newport è un professore associato di computer science alla Georgetown University, relativamente giovane (è nato nel 1982) è molto conosciuto soprattutto al di là dell’oceano per alcune pubblicazioni in ambito crescita personale.

Ho letto circa un anno fa l’estratto di quella che ritengo la sua opera più conosciuta (grazie a Blinkist) prima di decidermi ad acquistare l’e-book su Amazon.

Nota: questo libro non è mai stato tradotto in italiano, ma questa limitazione non deve scoraggiare, il libro è scritto in un inglese abbastanza semplice ed un po’ di allenamento su questa lingua fa sempre bene 😉

Tra l’altro su Blinkist è presente anche il riassunto di Deep Work.   

Già solo la lettura di riassunto ti darà alcuni spunti interessanti in merito a come lavorare meglio.

(Ma cos’è Blinkist? Leggi qua).

Come lavorare meglio? Leggi Deep Work
Come lavorare meglio ed essere più produttivi grazie a Deep work

Scopo principale del libro è quello di spingere il lettore ad una consapevolezza del lavoro da affrontare, dando relativa importanza a tutti i segnali che ci disturbano 24 ore al giorno (notifiche, e-mail, messaggi etc.).

Cal Newport in Deep Work spiega molto bene e con esempi ricavati da studi scientifici che è necessario acquisire la capacità di concentrarsi su un unico compito alla volta e di farlo senza distrazioni.

Solo in questo modo sarà possibile lavorare meglio e conseguire risultati di qualità in un tempo impossibile da ottenere se non si presta la necessaria ed indispensabile concentrazione al compito selezionato.

 

TEMI PRINCIPALI DEL LIBRO E PIETRE MILIARI DEL LAVORARE MEGLIO:

  • Come il multitasking rende meno produttivi;
  • Come approcciarsi alla produttività
  • Come focalizzarsi su un solo compito alla volta (ma scelto deliberatamente).

 

 

Il multitasking e la distrazione sono i nemici della produttività.

Molti studi dimostrano che passare continuamente da un attività all’altra (anche solo alternarsi tra due) ci rende meno produttivi, in quanto la nostra mente fa fatica a scollegarsi immediatamente da un compito per buttarsi su un altro.

Meglio piuttosto terminare il primo compito, eventualmente staccare per qualche minuto e poi gettarsi a capofitto sul secondo (vedi anche la tecnica del pomodoro).

 

A tal proposito, nel libro si cita lo studio della professoressa Sophie Leroy, dell’Università del Minnesota. La studiosa nel 2009 ha condotto una ricerca utilizzando due gruppi di controllo e facendo praticare al primo due compiti alternati ed al secondo in sequenza.

Il risultato?

Ovviamente il primo gruppo è rimasto molto concentrato sul primo compito ed ha eseguito il secondo con meno precisione, impegnando anche un tempo maggiore per completare il tutto.

 

Altro uso del multitasking, anche se non in maniera consapevole, è dato dalla continua presenza di applicazioni o device e le loro notifiche non silenziate/disattivate.

Ad ogni segnale che ci distoglie dal nostro compito principale (anche se ad esempio le notifiche non dovessero venire lette ma comunque notate) corrisponde una perdita di concentrazione ed un relativo tempo e sforzo per tornare a dedicarsi al compito primario.

Anche in questo caso, stabilire prima il compito principale e “bloccare il tempo” per lo stesso ci sarà molto d’aiuto.

 

Strategie ed approcci citati dall’autore per concentrarsi al 100% in un lavoro:

Approccio monastico: eliminazione di tutte le possibili fonti di distrazione, dall’inizio alla fine del compito. (Aiuto, mi immagino già in una celletta a ricopiare un codice 😉

Approccio bimodale: definizione di un periodo di isolamento di lunghissima durata. Poi staccare completamente al termine dello stesso considerando il tempo rimanente come libero.

 

Per finire il mio preferito e quello che ritengo più attuabile:

Approccio ritmico: si definiscono dei blocchi di lavoro di tempo predefinito, si tiene traccia degli stessi e del lavoro realizzato durante questi blocchi in modo da avere sempre sotto mano la situazione, stabilendo anche checkpoint e goals intermedi e finali.

Plus: si potrebbe ipotizzare un tempo previsto per il completamenti del lavoro ed il numero di blocchi necessari; avere delle scadenze aiuta!

 

Un altro rituale per focalizzarsi su un lavoro è quello di definire uno spazio fisico o mentale che avverta gli altri (ed il nostro cervello) che è tempo di lavorare e che non siamo disturbabili…

Dalla porta chiusa dell’ufficio all’uso delle cuffiette fino al recarsi in un ambiente diverso dal solito (una sala riunioni, una biblioteca) per poter lavorare profondamente e senza interruzioni al proprio progetto.

 

 

Questo approccio di monotasking è utilizzabile non solo nell’ambiente lavorativo ma anche per le proprie passioni e frequentazioni, compreso l’uso dei social network.

 

In merito a questo argomento, in Deep Work l’autore propone due approcci:

 

Utilizzo consapevole. Voglio utilizzare Facebook?

Perfetto, decido una finestra di tempo ed uno scopo da ottenere (vedere aggiornamenti sugli amici, cazzeggiare un po’, etc) questo per non finire a trascorrere ore girovagando in casa Zuckenberg, entrando in discussioni politiche, calcistiche o di altro inutili o ancor peggio seguendo qualsiasi link che sembra interessante ed attrattivo

Di distacco. Stabilisco un numero di giorni in cui non li userò per niente.

Al termine del periodo mi chiederò:

  1. La mia vita ha subito un peggioramento durante questo periodo o viceversa?
  2. La mia non-presenza mi ha fatto perdere qualcosa di importante?

 

Ultimo suggerimento dell’autore è quello di cercare di pianificare, per quanto possibile, tutta la propria giornata, dalla sveglia fino al momento di andare a dormire in blocchi di 30 minuti.
La pianificazione non dovrà essere tassativa ne eseguita fiscalmente ma se applicata con buonsenso ci permetterà di ottenere le cose che desideriamo veramente, senza sprecare il nostro tempo in attività vuote, riempite da routine instaurate dalla noia (quante volte ci troviamo a scorrere per ore i nostri social o a “scarrellare” da un canale all’altro).

 

Pianificando la giornata al mattino o la sera prima sarà possibile dedicarsi a quello che si ritiene importante veramente, anche nel proprio tempo libero, che sia un buon libro, una puntata di una erie tv o qualsiasi altra cosa.

 

Come lavorare meglio, Riepiloghiamo:

Le distrazioni sono ovunque.

Il multitasking uccide la nostra produttività (non solo al lavoro).

Possiamo però riprendere il controllo del nostro tempo e delle nostre azioni, concentrandoci solo su un singolo compito alla volta!

 

Riepilogo finale per come lavorare meglio:

Il messaggio chiave in questo libro:

Le distrazioni sono ovunque nel mondo moderno dove il multitasking è diventato il nostro stato di default e sta uccidendo la nostra produttività. 

La buona notizia è che possiamo riprendere il controllo del nostro tempo eliminando le distrazioni e lasciando che il nostro cervello si concentri su un compito alla volta.

 

 

Dello stesso autore:

 

Me ne hanno parlato molto bene, il libro è nella mia lista di lettura ma ancora nn l’ho letto.

 

Cal Newport ha esposto i suoi pensieri anche in un TED alquanto famoso:

Quit your social media

 

Ma come lavorare meglio? Applicazioni e modelli utili allo scopo:

Se hai imparato qualche trucco o idea per come lavorare meglio perchè non condividi questo articolo con i tuoi contatti? Te ne saranno grati!

 

Sì, mi piace e mi è sempre piaciuto molto leggere; da sempre leggo libri cartacei acquistandoli (prima nelle librerie della mia città poi on-line e su kindle), ascoltandoli (ho un abbonamento annuale ad Audible, soldi ben spesi) ed a volte semplicemente leggendo i “bigini” degli stessi, tramite Blinkist (che mi aiuta anche a mantenere allenato il mio inglese).

Condividere è importante!

Un commento su “Come lavorare meglio ed essere più produttivi?”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: